Indice generale del sito  | Indice analitico 

Pagina precedente
14. Copie: dati   66 / 396  Pagina successiva
16. Topografico Indietro
ALEPH 500 (v. 16-18): documentazione tecnica  |  Torna alla pagina iniziale:
 15. Collocazione: ordinamento 

 

SI 16384-6659
Purtroppo i caratteri non alfabetici o non numerici nella prima posizione della collocazione creano dei malfunzionamenti nella procedura. Per evitare problemi con i caratteri nella versione 18 la videata usata per l' inserimento dei parametri di lancio della p-item-05 impedisce di inserire ? { [ ' ` ^ > , (vedi immagine allegata).

A questo punto per aggirare il problema suggerisco di sostituire via SQL i caratteri iniziali non alfabetici o non numerici con stringhe costanti (es. pdidom per ?, pgfap per {) e rilanciando poi la ricostruzione degli indici e la p-item-06
[2008-03-10 16:26 GMT <Daniele Nottegar>] 
aperta un mese fa, per noi importante: grazie  Customer
- ossia verranno messi nella stessa sequenza ASCII?
- siccome l'elaborazione avviene su Linux, sarà ASCII o ANSI? e secondo la Code page attiva sulla macchina come per i PC?
- E quando mi dici che gli accentati sono codificati UTF-8 ... il loro sort è secondo UTF-8 o secondo ASCII? se secondo UTF-8 allora si mescola con quello di ASCII: 2 criteri, come è possibile?
- fra l'altro differenzierà maiuscole e minuscole come ASCII?
- procedo ad una prova empirica e ti faccio allego l''ouput con commento:
Mi pare che la sequenza con 0 mostri:
l'asterisco * (ASCII 42)
che precede un numero 1 (ASCII 49)
poi il trattino ASCII 45
poi le lettere, ASCII 65-122 (non provato se maiuscolo precede minuscolo o sono pareggiate)
poi un punto fermo ASCII 46,
poi la lettera accentata ê = ASCII 136 e ANSI 234:
il che non torna proprio esattamente con una sequenza ASCII (o ANSI)?
-la procedura è delicata perché la p-item-05 chiede di indicare gli estremi e dunque devo conoscere esattamente la sequenza. [2008-03-10 16:26 GMT <Daniele Nottegar>] 
Customer

Il campo z30-call-no e' un campo alfanumerico e come tale viene trattato ovvero le lettere dell' alfabeto,i numeri e i simboli da voi indicati corrispondono ai caratteri elencati nella tabella Ascii. Gli eventuali caratteri accentati vengono memorizzati secondo la codifca UTF-8 (in doppio byte) che comunque viene gestita dal programma e nella maschera di lancio della procedura devono essere immessi come caratteri accentati (come àèùò ecc.). [2008-02-07 16:46 GMT <Daniele Nottegar>] 

 

  Scrittura e ordinamento

  1. Le modalità di scrittura delle segnature di posizione valgono sia nel caso di recupero da scheda che da libro (frontespizio o etichetta). Devono valere anche per nuove catalogazioni BUC (recuperi a latere, trattamento fondi ...)
  2. Le indicazioni valgono per il recupero da fare, non possono affatto basarsi su quanto esiste di già registrato in Aleph che si rivela: vario, disordinato, spesso ad libitum, quantitativamente molto inferiore al da farsi
  3. Le collocazioni BUC devono avere un Tipo colloc.=6 BUC in Aleph record copia
  4. Non si allineano artificialmente i numeri, a destra, inserendo spazi o zeri (0) o altri caratteri, ma se ci sono non è necessario eliminarli, es.:
    A-0037 si lascia così se lo si trova -e va a posto rispetto a A-36- ma se ex novo si scrive A-37
  5. Sequenze di lettere e numeri formanti un caso di segnatura di posizione vanno scritte con la medesima scansione, es.:
    A-32 e A 31
    così formano due sequenze e non una, ma se appartengono alla stessa sequenza sarebbero separati e disordinati e quindi vanno ridotti a:
    A-32 A-31
  6. Il numero di spazi vuoti (blanks) non incide, ma tendenzialmente se ne dà ogni volta uno solo, es.:
    Cons. A -3
    Cons. A -4
  7. Gruppi di lettere (dopo il primo) sono preceduti e separati fra di loro da uno spazio vuoto (blank), es.:
    Cons. E-3
    Cons. E-41
    Misc. E-38-6
    Cons.-945 Fonti Ant/15
  8. Ogni gruppo di numeri è preceduto da trattino, o da barra o da virgola se esplicitamente indicato, ad es. per palchetto o esponente, es.:
    A-777
    AA-77
    Cons.-3-2,1
    Cont.-34-3,1
    FF/3
    Cons.-700-3/11
  9. Non è necessario unificare tutti gli esponenti finali o in virgola o in barra -ancorché sarebbe più ordinato che fossero tutti in virgole- tranne che nella sequenza della stessa opera dove è necessario, es.:
    Cons.-3-2,1
    Cons.-3-2,2
    Cons.-700-3/11
    Cons.-700-3/13
  10. Lettere maiuscole e minuscole si equivalgono di fatto nell’ordinamento, es. Cons. = CONS. Ma una scrittura uniforme è preferibile
  11. I numeri in cifre romane vanno scritti in cifre arabe, es.:
    Cont. CDXXXII-103 = Cont.-432-103
    Misc. E-XXXVIII-6 = Misc. E-38-6
  12. Certi gruppi di lettere sono sinonimi della medesima radice di segnatura, se ne sceglie uno e si adotta solo quello, es.:
    Cons. Cs Cs.
    quando si riferiscono alla Sala di consultazione vanno scritti come Cons.
    Coll.
    Cl
    Cl.
    quando si riferiscono alle collane di monografie vanno scritti come Coll.
    ma Cont. e Ct. sono due gruppi distinti (i.e. Continuazioni; Cataloghi)
  13. Per l’inventario: ne risultano 5 con numerazione distinta: N.F. nuovo fondo, V.F. vecchio fondo, F.F.M. (fondo Macellari), Fondo Stara Tedde, Fondo Trompeo. Gli altri inventari sono confluiti in N.F. Per quanto visto, tale numerazione è riportata sul verso delle schede e sui libri.
    Si fissano le cinque sigle: NF, VF, FFM, FST, FT
    Le sigle sono seguite da spazio vuoto (blank)
    Ad esse seguono i numeri allineati a mano a destra con 0 su uno schema comune di 6 cifre, senza punti per le migliaia, es.: FFM 001223
Università degli studi di Perugia - CSB - Servizio della biblioteca digitale: Ufficio Aleph / a cura di Francesco Dell'orso 
v. 2.3 - ottobre 2010;
vai alla pagina iniziale